Certificazione energetica

Il certificato energetico è un attestato che, come definisce lo stesso nome, certifica lo stato di efficienza energetica di una casa. Si descrive infatti lo stato di un edificio secondo alcuni indici di analisi, così da stabilire una classe in cui denotare l’immobile.

Il certificatore energetico, professionisti iscritti al relativo albo, devono fare uno studio delle caratteristiche dell’abitazione, valutandone l’impianto di riscaldamento e di acqua calda, la climatizzazione estiva, l’eventuale presenza di impianti a fonti rinnovabili e l’isolamento termico delle pareti murarie, del tetto e delle aperture.
In seguito rilascerà un certificato che indicherà una classe di appartenenza dell’edificio, in base all’esigenze energetiche e al consumo di combustibile annuale per ogni metro quadro di superficie riscaldata. Di seguito le classi, dalla più efficiente alla più inefficiente:

  • Casa passiva: < 15 Kwh/mq annuo = < 1,5 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica A: < 30 Kwh/mq annuo = < 3 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica B: tra 31-50 Kwh/mq annuo = 3,1-5 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica C: tra 51-70 Kwh/mq annuo = 5,1-7 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica D: tra 71-90 Kwh/mq annuo = 7,1-9 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica E: tra 91-120 Kwh/mq annuo = 9,1-12 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica F: tra 121-160 Kwh/mq annuo = 12,1-16 litri gasolio/mq annuo
  • Classe energetica G: > 160 Kwh/mq annuo =  > 16 litri gasolio/mq annuo